I palmenti di Capraia

Capraia è un’isola vulcanica dell’arcipelago toscano, bella e selvaggia; abbiamo deciso di passare una settimana di vacanze, all’insegna di nuoto in calette cristalline e trekking fra la macchia mediterranea, senza libri sul mondo del vino, programmi di visite in cantina e troppi ragionamenti sui vini (ottimi) che ci siamo portati per la permanenza sull’isola.

È bastato un rapido giro nell’unico piccolo borgo ed eccolo qui, il mondo del vino che bussa alla porta della nostra curiosità. Come? Beh, in questo caso dobbiamo fare un salto all’indietro di centinaia di anni.

Sull’isola di Capraia, sono presenti molte vasche scavate nella roccia, utilizzate per la pigiatura, a piedi nudi, dell’uva e, in una seconda fase, per la torchiatura: sono i palmenti; troviamo traccia di questo rudimentale sistema di vinificazione anche nelle altre isole toscane, ma soprattutto in Calabria, dove la città di Ferruzzano è addirittura chiamata “la città dei palmenti”, in Basilicata, in Sardegna e pure nel Castello Aragonese di Ischia (e questi li abbiamo visti, ma sono sicuramente più recenti di quelli capraiesi in quanto strutture già al chiuso e non scavate nella roccia).

Come funziona un palmento? Semplice: ci sono due vasche comunicanti, collegate da un piccolo foro, dove in quella superiore veniva messa l’uva, si pigiava e il mosto defluiva nella vasca inferiore, che veniva raccolto e trasportato in cantina. I residui venivano poi torchiati per ottenere ancora un poco di mosto.

Quanti anni hanno i palmenti di Capraia? Posto che i primi palmenti sono stati trovati in Palestina e risalgono all’Età del Bronzo, per quelli capraiesi mancano indicazioni certe anche se quelli posti sotto la Fortezza di San Giorgio sono databili ad un periodo precedente alla costruzione della Fortezza stessa (1540) in quanto sono, in parte, coperte dai suoi muri.

Quanti sono? Di chi erano? I palmenti sono sparsi nell’isola, ma sostanzialmente tutti attorno al nucleo abitativo, e si presume fossero di proprietà pubblica, come i forni per la cottura del pane: uno spirito di comunità e mutuo aiuto così lontano dai tempi odierni.

Che emozione entrarci dentro!

Alessandra Gianelli
Facebook: @alessandra.gianelli
Instagram: @alessandra.gianelli

Un pensiero su “I palmenti di Capraia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...