Non chiamatemi wine influencer per carità!

Se sei uno dei miei 25 affezionati lettori lo sai già: questo blog fin dal primo post non ha mai avuto l’ambizione di influenzare i consumi o di fare soldi con la pubblicità occulta. La scelta di mantenere il blog anonimo, benché non sia assolutamente complicato risalire al sottoscritto, dipende dal fatto che Vinocondiviso vuole restare a tutti gli effetti un luogo di libero confronto e scambio di opinioni aperto al contributo di tutti.

Purtroppo è sempre più diffusa la pratica del perfetto (autoproclamatosi) influencer di chiedere – persino pretendere! – soldi, bottiglie, favori in cambio di qualche post. Non ci credi? Guarda questo post che ho trovato su Facebook di uno di questi personaggi:

Wine Influencer?
Wine influencer?

Wine influencer? No grazie!

Se però sei un grande appassionato di vino con il piacere della condivisione….scrivimi: vinocondiviso (at) gmail.com. Non ci guadagnerai nulla, se non il piacere di partecipare attivamente al progetto Vinocondiviso! Aspetto il tuo contributo.