Dirupi: Valtellina leggiadra e territoriale!

Che bello bere vini di Valtellina che riescono a coniugare eleganza e complessità, modernità e territorio. I Dirupi sono senz’altro una delle “nuove” aziende della Valtellina – da tempo sulla bocca degli appassionati – che ha ringiovanito i vini a base di chiavennasca proponendoli in una chiave pulita, fresca e sbarazzina senza tradire però il rigore dei vini valtellinesi.

Gli appezzamenti allevati dai Dirupi sono molto frazionati e dislocati in zone molto variegate. I produttori hanno recuperato molte vigne, salvato vecchi cloni e ripristinato i tipici muretti a secco. Il Valtellina Superiore di cui ti parlo oggi è ottenuto da vigneti per la maggior parte storici (non sono rare le piante centenarie) che si trovano nei comuni di Sondrio, Montagna in Valtellina e Poggiridenti, nelle zone del Grumello, Inferno e del Valtellina Superiore. Sono impiantati su terreni terrazzati situati sul versante retico della Valtellina, con esposizione a sud, a quote che variano tra i 400 e i 650 metri.

Valtellina Superiore 2013 – Dirupi

Il colore è bellissimo: rubino chiaro, trasparente e luminoso screziato da tocchi granato. L’olfatto è affascinante e goloso: ribes, melograno, arancia, roselline, una nota vegetal-boschiva tipo aghi di pino.

Bocca asciutta, verticale, magra e saporita come nei migliori “vini di montagna”, la mineralità rocciosa e l’acidità donano un profilo spigoloso eppure accattivante che è accompagnato da un tannino croccante anche se non certo ruvido.

La chiusura è amaricante, forse un po’ troppo, ma la lunghezza è di tutto rispetto.

87

Rosso di Valtellina 2014 – Ar.Pe.Pe.

Ar.Pe.Pe., l’azienda di Sondrio gestita dai fratelli Emanuele e Isabella Pelizzatti, fa da tempo rima con Valtellina. Sono loro infatti che, raccogliendo l’eredità del padre Arturo, hanno saputo rinnovare ed elevare l’immagine dei vini valtellinesi a base di nebbiolo – pardon chiavennasca – e portarla al successo anche e soprattutto oltre i confini nazionali.

Rosso di Valtellina 2014 - Ar.Pe.Pe.
Rosso di Valtellina 2014 – Ar.Pe.Pe.

Rosso di Valtellina 2014 – Ar.Pe.Pe.

Rosso rubino di grande luminosità, all’olfatto è elegante di rose rosse, goloso di fragoline, cerebrale con un’interessante e scura mineralità, promettente con le spezie in formazione (liquirizia, pepe).

Il sorso è gustoso anche se piuttosto rapido nello sviluppo con l’alcol che scappa un po’ via dalla materia piuttosto esile del vino. In fin di bocca il calore ritorna ma è ben stemperato dal tannino e dall’acidità che lavorano all’unisono.

Chiude su ritorni di liquirizia.

83