PIWI: eleganti, piacevoli, sostenibili

All’Ombra del Borgo, evento organizzato da Vinoway e Pro Loco Zumellese lo scorso weekend a Mel, nel cuore delle colline bellunesi, è stata dedicata una masterclass sui vitigni PIWI e una degustazione di vini ottenuti da queste varietà.

Noi di Vinocondiviso abbiamo parlato spesso di questi vitigni resistenti alle principali malattie fungine (PIWI è l’acronimo in tedesco) e continueremo a farlo. Speriamo soprattutto di poter proseguire a sottolinearne la versatilità e i costanti miglioramenti in termini di piacevolezza, eleganza e capacità di invecchiamento.

Già, perché prima di tutto quello che ci ha colpito di questi vitigni è il fantastico binomio: sostenibilità e qualità.

Nati in Germania, ben si adattano ai climi più freschi dell’alta collina e non a caso li troviamo principalmente in Alto Adige. Ma da alcuni anni i Vivai Rauscedo stanno dedicandosi alla selezione di vitigni resistenti che possano essere coltivati anche in zone più calde.

I vini in assaggio

Durante la masterclass abbiamo iniziato da due metodi charmat da Solaris (aziende Croda Rossa e Dorgnan) per arrivare al passito di Bronner di Werner Morandell di Lieselehof, passando per l’orange wine di Alessandro Sala di Nove Lune e assaggiando i due rossi di Terre di Ger.

Julian Morandell con il suo passito Sweet Claire

La grande sorpresa è stato Filippo de Martin, un ettaro di vigna tra Solaris e Bronner, 3.000 bottiglie, due etichette. Alla domanda, qualche giorno dopo, su Messenger: “PIWI, perché?” la risposta è stata quasi ovvia: “Perché mi permettono di esser super biologico e di produrre vino buono”. Vinificazione il meno invasiva possibile, macerazioni a freddo, uso di lieviti neutri in modo da preservare il più possibile le caratteristiche organolettiche del vitigno, utilizzo di solfiti limitato alla pressatura e al pre imbottigliamento in dosi minime.

Stiamo degustando le sue prime bottiglie, ma c’è grande “stoffa”, sia nel suo Bronner (con un saldo di Solaris… “perché dovevo riempire la vasca”) che nel suo Solaris in purezza, che a noi di Vinocondiviso ha ricordato il Vino del Passo di Lieselehof, il primo PIWI mai assaggiato, quello che non scorderai mai, ottenuto da una vigna a 1.250 m sul passo della Mendola, in Alto Adige.

Last but not least, non possiamo non citare il Vin de la Neu, di Nicola Biasi, 1.000 metri di vigna a 1.000 metri di altezza, 100% Johanniter, un anno di affinamento in barrique e un ulteriore anno in bottiglia. C’è eleganza in tutto: nei profumi, nel grande equilibrio tra acidità e morbidezza, nella sua persistenza in bocca, nell’etichetta (che riprende le vette di montagna trentine) fino al tappo, dov’è riprodotto un fiocco di neve. Vi ritroviamo il fascino dei vini di montagna e l’abbagliante luce della neve.

Vin de la Neu

P.S.: vale sempre la pena sottolineare come i vitigni PIWI non sono OGM! Sono incroci, come Kerner, il Muller Thurgau, Incrocio Manzoni… Per ulteriori approfondimenti consigliamo di partire da questo link.

Alessandra Gianelli
Facebook: @alessandra.gianelli
Instagram: @alessandra.gianelli

Deperu Holler: vini, chiacchiere e merenda!

Andrea ci invia il resoconto di una bella visita presso l’azienda Deperu Holler. Ne avevamo parlato già grazie al bel post di Chiara, ma replichiamo volentieri!

Un’esperienza da fare: una visita con merenda da Carlo Deperu.

Capito un lunedì pomeriggio. Con solo due ore di preavviso. Carlo mi accoglie come un amico, andiamo in vigna con la cantina in mezzo, posto splendido, e lui chiede a Tatiana, sua moglie, qualcosa che non capisco ma capirò dopo…

In cantina assaggiamo da vasca il Prama Dorada 2018, 70% vermentino non macerato, moscato e malvasia macerati ed uniti alla massa del vermentino svinato. Vino “sveglio”, intenso, lievi note ossidative, bella cremosità. Dopo un assaggio di un vermentino fatto con uve di un suo amico, fresco ma un filo amaro, apriamo una bottiglia di Fria 2018, vermentino in purezza macerato 24 ore sulle bucce. Bel vino che spiega bene che il vermentino può essere ben diverso dal succo di ananas e mango che domina la Gallura e non solo. Floreale, sapido, pesche bianche…

Nel frattempo arriva Tatiana che annuncia di aver apparecchiato sul tavolo sotto la quercia, andiamo e troviamo vino, pecorino, favette, asparagi selvatici, pane carasau. Casualmente in macchina avevo una borsa frigo con una bottiglia di Champagne carte d’or di Pascal Mazet di sboccatura vecchiotta e un salame artigianale sardo. Apriamo tutto e comincia una merenda che si protrarrà dalle 17 alle 21. Arriva anche una famiglia tedesca di amici di Carlo. Apriamo anche il Familia 2017 (da uve muristellu o bovale sardo) bello fruttato, fresco, asciutto, beva “elettrica”.

Si mangia, si beve, si chiacchiera multilingua.

Queste sono le visite che amo!

Andrea D’Agostino

Reggio Emilia tra lambrusco e spergola: alla scoperta dei rifermentati di qualità

Basta salire un poco sulle cime delle morbide colline reggiane per farsi un’idea di questo territorio e della sua gente. Dal prato antistante al castello di Rossena si gode di una vista che è una medicina per la mente. Le colline che ci circondano sono un alternarsi di boschetti selvaggi, grandi distese di campi punteggiati da numerose rotoballe e naturalmente rigogliosi filari di vite. In alcuni punti invece i calanchi sembrano ferire i fianchi dei colli; con il loro aspetto così aspro mostrano il volto più complesso e delicato del territorio che, con le piogge dell’ultimo mese ha visto diverse frane lacerare le vie di comunicazione. Da questo privilegiato punto di osservazione sembra di assistere ad un brulicare operoso: in apparenza tutto è calmo e sereno, si sente solo il frenetico frinire delle cicale ed il vento tra le chiome delle grandi querce, ma è un continuo movimento. Questa terra ed i suoi allevamenti non danno tregua ad agricoltori ed artigiani; le colline sono lavorate con incessante impegno, senza badare alle domeniche o ai giorni di festa.

Lo scopo del mio tour per queste colline è riscoprire il lambrusco della tradizione ed i rifermentati di qualità. Il mio Cicerone è Giulia, una cara amica, reggiana DOC. Ci svegliamo di buonora per prepararci al meglio alle visite in cantina, nella cucina inondata dalla luce di luglio, partiamo con la tipica colazione reggiana: l’erbazzone. Una sorta di torta salata a base di erbette e Parmigiano, ogni famiglia di Reggio Emilia ha la sua ricetta o il suo fornitore di fiducia, non può mai mancare. Ci mettiamo in movimento e per le strade incontriamo poca gente, chi può ha abbandonato la città per trovare refrigerio. Reggio Emilia è un continuum con la campagna piana che la circonda, enormi distese presidiate da grandi casali. In uno di questi poderi ci aspetta Denny Bini di Podere Cipolla, piccola cantina alle porte della città. Scendiamo dall’auto e ci immergiamo subito nello spirito gioioso in cui nascono i suoi prodotti. La grande corte interna è addobbata da lampadine appese a cavi che, fissati ai tetti, attraversano da una parte all’altra il cortile. Facile immaginarsi gioiose feste d’estate sotto queste luci, tra risate, musica e grandi taglieri pieni delle delizie tipiche del luogo: il parmigiano, il prosciutto, i ciccioli, lo gnocco fritto… ovviamente il tutto innaffiato da tanto lambrusco.

Denny ci tiene a mostrare subito le vigne, così saliamo sulla sua auto e ci facciamo condurre in campo. Sono le ore centrali del mattino ed il sole batte già senza pietà. Il produttore non si risparmia, palpo a palmo ci accompagna tra i filari spiegandoci con cura le caratteristiche di tutte le varietà che coltiva. Su tutti i lambruschi: Grasparossa, Salamino, Sorbara, Maestri. Poi Malbo Gentile, che ci rivela essere la sua vera ossessione. Infine i bianchi: Spergola, Malvasia e Trebbiano.

Con infinita delicatezza Denny scosta le foglie di vite e prende i grappoli tra le mani per mostrarceli; sembra conoscerli uno ad uno e forse non è solo un’impressione. Le vigne di Denny si possono dividere su due diverse tipologie di terreni. Una parte, ai piedi della piccola collina, con terreni costituiti di limo e sabbia, dove le viti affondano le radici e producono vini di maggior acidità e meno struttura. Una seconda parte qualche metro più su, dove aumenta la componente di argilla ed i vini guadagnano in corpo.

Rientriamo in cantina con il sole ormai altissimo, all’interno del casale ritroviamo un po’ di frescura e mentre ancora gli occhi si abituano al calo di luce, Denny ha già posizionato sul tavolo, al centro della cantina, una grossa punta di Parmigiano Reggiano che trasuda di sapore e fa salire l’acquolina in bocca.

Come al solito il vino ha il potere di avvicinare persone che pochi minuti prima non si conoscevano, così il chiacchiericcio diventa talmente inteso che fatico quasi a farmi raccontare i vini, mi tocca fare la figura della prima della classe che, taccuino alla mano, chiede delucidazioni al professore.

Partiamo con il bianco di Podere Cipolla, Levante 90 – 2018, spergola e malvasia. Le uve sono raccolte e vinificate insieme, con un giorno di macerazione. Il naso si esprime con la parte più vegetale della spergola, profumo di pompelmo ed aroma di geranio. Una piccola sensazione casearia si perde dopo pochi minuti e lascia spazio a sentori di albicocca ed erbe mediterranee. Filo conduttore di questi vini è la piacevole anidride carbonica, sempre fine e delicata. L’acidità è rinfrescante, ben presente, così come l’alcol che scende in gola e si fa balsamico.

Denny, molto pacato, aspetta le mie domande a cui risponde con grande competenza. Quando i calici si svuotano, silenziosamente si alza per andare a recuperare la bottiglia successiva.

È il Lambrusco rosato: Sorbara, Grasparossa e Malbo. Rosa dei venti 2018. Un bellissimo colore rosa pompelmo che si ottiene senza macerazione. L’impatto iniziale è di lievito, poi arrivano le note di melograno, pompelmo rosa (sì anche al naso), caffè verde ed infine un curioso sentore di tostatura. Interrogo il vignaiolo e mi rivela che si sviluppa solo in seguito alla fermentazione, quindi imputabile ai lieviti indigeni. Il sorso chiude con il finale amaricante del Grasparossa. La punta di Parmigiano Reggiano si è già ridotta un po’ ma gli aspetta il colpo di grazia: se ci sono due cose che vanno davvero d’accordo sono questo formaggio ed il Lambrusco Ponente 270 – 2018 di Podere Cipolla. Viene prodotto dall’uvaggio di tutte le tipologie di Lambrusco coltivate, come vuole la tradizione del Lambrusco Reggiano, tra queste uve anche l’autoctono montericco (vitigno che prende il nome da uno dei colli del luogo su cui cresce in abbondanza). Apre potente il sentore della marasca, poi mora ed infine stupisce il cacao. Ritrovo ancora il sentore di tostatura; mi piace pensare sia la firma del produttore sui suoi vini.

Continuo la mia ricerca dei vini reggiani di qualità e mi dirigo verso la culla del Parmigiano Reggiano (o con un pizzico di tono provocatorio dei locali: il Reggiano Parmigiano). Tra San Polo d’Enza e Bibbiano. In questa pianura alluvionale visitiamo Podere Magia. Conduce vigna e cantina Stefano Pescarmona, formatosi enologicamente nella regione di Banyuls, nel sud della Francia, ed ora guida con maestria i suoi tre ettari di vigne. Qui la vera magia è quella di viti e frutti coccolati con cura maniacale, l’obiettivo è portare in cantina uve perfette; infatti, solo queste attenzioni permetteranno di produrre vini senza ricorrere ad alcun supporto chimico e senza l’addizione di solfiti. Camminando lungo i filari Stefano identifica a colpo d’occhio un quadrifoglio confuso in mezzo alla vegetazione, lo coglie e ce lo regala; questa per me è la piena dimostrazione di quanto i suoi occhi siano allenati a cogliere i dettagli della natura.

La produzione di Podere Magia è ristretta, degustiamo una delle etichette 2018; il rifermentato in bottiglia di spergola e trebbiano. Il cielo un po’ velato ci permette di accomodarci al tavolo posizionato al centro del cortile, davanti alla cantina, senza riparo dal sole. Arriva l’immancabile tagliere di salumi e formaggio.

Il naso di questo vino è erbaceo, sa di erba tagliata, poi timidamente si affaccia il profumo più dolce di zucchero ed un sentore che mi stupisce: quello della nocciola. Sicuramente un vino che si esprimerà al meglio con un anno di bottiglia in più, ma la piacevolezza all’assaggio è già grande.

Questa prima spedizione alla riscoperta del lambrusco e dei rifermentati di qualità non ha deluso le aspettative.  Questi produttori hanno fatto la scelta di abbandonare praticità e risparmio del metodo charmat, per ritornare alle origini con la rifermentazione in bottiglia. Il mio naso ha così dimenticato aromi posticci di scontati frutti rossi ed il palato si è gratificato con un’anidride carbonica più fine e cremosa. Le espressioni di questi vini sono variegate e non appiattite sui gusti standardizzati a cui il mercato si è assuefatto. Sono vini vivi (qui cito Stefano), mai uguali a sé stessi e da reinventare ad ogni vendemmia, in cui anche lo stile del produttore/artigiano è fondamentale.

Chiara EM Barlassina
Facebook: @chiara.e.barlassina
Instagram: @cembarlassina

Colbacco…che vini!

Del mio eno-tour in Umbria la tappa che attendevo con maggior ansia era quella ad una nuovissima, piccola realtà che ha mosso i primi passi con la vendemmia 2018. Siamo ad una ventina di chilometri a sud-ovest di Perugia. Un progetto neonato che già scalpita per farsi notare nel mondo dei vini naturali. Questa buona dose di “sfrontatezza” mi piace. 

La Cantina è Colbacco. Nasce dall’entusiasmo di 4 soci, personaggi che sembrano creati per un fumetto; diversissimi per fattezze, età e vissuto. Ad un primo colpo d’occhio potrebbero sembrare degli improvvisatori, ma ognuno porta con sé la sua solida esperienza nel mondo del vino. Sono ingranaggi incastrati perfettamente l’uno con l’altro: hanno fatto partire una macchina che sembra poter andare lontano. Il sogno che li unisce è l’amore per la loro terra e tradizione. Hanno cominciato nel più genuino dei modi: recuperando vecchie vigne abbandonate da incuria e crisi, piccoli fazzoletti di terra sparsi qua e là sulle colline adiacenti. In alcuni casi un blend di vitigni non identificati.

Ho pianificato la visita con Guido, uno dei soci, che mi ha accolta con grande entusiasmo ed ha coordinato l’incontro; sono le prime visite in cantina e desiderano essere tutti presenti. 

Ci ritroviamo così intorno ad un grande tavolo di pietra, sotto un vecchio Leccio che lascia cadere in continuazione grappoli di fiori secchi. Questo tavolo diventa un palco dove finiamo per mettere in scena uno spettacolo teatrale tra la farsa e l’assurdo. Nessuno l’aveva pianificato ma tutti rivestono un ruolo fondamentale nel loro essere personaggi così apparentemente distanti.  

Scendendo dall’auto, in lontananza, avevo visto i soci Colbacco rassettare la loro “sala degustazione”; cercando di ripulire foglie e fiori secchi con una scopa di fortuna. Queste attenzioni mi lusingano, ma sapessero quanto adoro questa essenzialità, non si preoccuperebbero dell’ordine e della pulizia. Questo contesto rende protagonista solo ed esclusivamente il vino e le loro storie: è perfetto.

Guido comincia il suo racconto partendo dal principio; dalla loro idea e da questo nome così curioso. Ma, quando ci si ritrova intorno ad un tavolo con un calice in mano, i discorsi prendo strade inaspettate ed i pensieri diventano pindarici. Metto insieme i pezzi del loro racconto sorso dopo sorso, tra racconti di cene goliardiche, suggerimenti di ristoranti e sbuffi di sigaretta che ogni tanto alcuni di loro accendono, avendo cura di allontanarsi dai calici. 

i vini Colbacco

Colbacco deriva dal carattere austero dei loro vini, non si piegano a nulla ed in alcuni casi sembrano ignorare le regole base della vinificazione scelte dall’enologo. Nascono così etichette come Quartoprotocollo, il merlot che “ha deciso lui come voleva essere”, scolpendo la sua indole già nei primi giorni di fermentazione. Poi Maracaibo, il cui nome discende dalla divertente e giocosa canzone che racconta anche una storia di ribellione. Questo vino, nell’idea originale, doveva essere la base di uno spumante, ma ha ignorato il loro volere e la seconda fermentazione non è mai partita. Infine Kalima, dea della guerra: mi pare di capire essere il loro figlio prediletto. Pur essendo il bianco, i soci fanno bramare la sua degustazione proponendolo per ultimo. Non sbagliano, il loro percorso di degustazione è un climax di sensazioni in cui Kalima è il gran finale, la chiusura da standing ovation. 

Il nome è Colbacco anche per una foto, destinata a diventare l’icona della cantina: uno dei nostri personaggi che pota a febbraio con il buffo cappello in testa. 

La scelta delle etichette e delle bottiglie, di grande originalità e dallo stile un po’ onirico, è studiata attentamente ed ha l’ambizione di descrivere il carattere dei vini, con la capacità di distinguersi sullo scaffale di un’enoteca. 

Maracaibo

Partiamo stappando Maracaibo, il colore è un rosato chiaretto quasi fosforescente quando colpito dalla luce. Un sangiovese in purezza dal naso molto ferroso, profumato di ribes e fragole. L’acidità è una lama gelata sulla lingua, riequilibrata dal calore alcolico che scende anche in gola. Rimane sul palato una sensazione di tensione metallica, chiude in persistenza con pepe e spezie. 

Con i primi calici si comincia a tagliare un po’ di pane, pancetta e formaggio. Questi profumi richiamano intorno al tavolo la morbida cagnetta Malvasia; gira in tondo al tavolo zampettando con discrezione e delicatamente poggia il muso sulle nostre gambe con occhi languidi, sperando in un bocconcino.

Passiamo al rosso, Quartoprotocollo, merlot 100%. Il bouquet è molto erbaceo, verde con note di sedano, ossigenandosi offre note di cacao e ancora la nota ferrosa incontrata nel rosé. L’entrata in bocca è inizialmente morbida e ruffiana, subito sferzata dall’acidità importante. Il tannino è sottile ma ben presente. Un’espressione inusuale e curiosa di questo vitigno. Vi stupirete se vi dico che per alcune caratteristiche mi ha ricordato un Poulsard di Jura. 

Si avvicendano al tavolo altri personaggi di questo buffa piece teatrale; arrivano mogli, padri. Ognuno è un pezzo della storia, un contributo vivo a questo nuovo progetto. 

Prima di aprire il bianco, uno dei soci, il signor Kurtz, barba lunga e piccoli occhiali tondi calati sul naso, mi lancia uno spunto di riflessione interessante sui vini naturali. Un tema che mi appare molto complesso ma che fortemente vorrei approfondire. Se il concetto di terroir ingloba al suo interno, non solo il legame con il territorio ma anche con la cultura e la mano umana di chi lo produce, nei vini naturali l’espressione stilistica e le scelte enologiche sono ancora più impattanti. Per questo, in alcuni casi, riconoscere un vino naturale alla cieca è così complesso. Quindi, verticalità e sensazioni metalliche di questi vini sono figlie dell’indole di quattro soci/amici, più che della terra su cui nascono? Approfondirò. 

Kalima

Finalmente arriva Kalima prodotto con Trebbiano, Malvasia, Grechetto e… boh! Come anticipato, nelle vecchie vigne recuperate, non tutte le piante sono state identificate. Colore dorato carico, l’impatto al naso è aromatico, insieme a scorza di arancio, tiglio e un fondo minerale di magnesia. In bocca è ricco, rotondo grazie anche alla piena maturazione in pianta dell’uva che lo rende persistente anche su frutta gialla matura. L’acidità è sempre netta e ben integrata. 

Facciamo un breve passaggio in cantina, piccola ma ordinata come una sala operatoria. Sul fondo sono accatastati i pochi cartoni che rimangono della piccola produzione del 2018. Ci salutiamo in modalità Colbacco Vini, con un bel selfie di gruppo. 

Guido tiene molto a mostrarci le vigne e farci conoscere la micro realtà in cui vive, lo seguiamo in macchina mentre ci indica dal finestrino i loro piccoli appezzamenti. Ci accomiatiamo davanti al castello di Spina, una piccola fortezza ora destinata a residenze ed esercizi commerciali, tra cui una chicca: il bellissimo negozio di fiori della moglie Annalisa. Racchiude al suo interno un’antica e grande macina per le olive. Annalisa ci racconta le ambizioni di far crescere il suo progetto mentre è intenta a realizzare un bellissimo bouquet di freschi fiori di campo coi colori accoglienti dell’Umbria. 

Sulla via del ritorno il paesaggio ci offre meravigliose colline vestite di girasoli e grano. Così, presi dall’entusiasmo “colbacchiano” accostiamo e ci concediamo una corsa in un campo di grano che sta per essere divorato da un tramonto di sfumature oro e turchese. 

Chiara EM Barlassina
Facebook: @chiara.e.barlassina
Instagram: @cembarlassina

16 giugno 2019: Quatar pass per Timurass!

Torna nel tortonese la manifestazione itinerante organizzata da Slow Food Piemonte e Valle d’Aosta per promuovere e far conoscere i grandi vini del Piemonte.

La tappa in programma oggi, 16 giugno 2019, è Quatar pass per Timurass, un’intera giornata dedicata al vino Colli Tortonesi Timorasso DOC e ai prodotti delle valli nella zona di Tortona, alla scoperta del territorio e delle sue risorse naturali e culturali.

La nostra Alessandra ci sarà! E voi?

16 giugno 2019: Quatar pass per Timurass
16 giugno 2019: Quatar pass per Timurass

Per scoprire i dettagli del programma e le aziende partecipanti scarica il documento.

In vigneti di quasi cento anni il futuro di una nuova cantina trentina

E’ sempre emozionante assistere alla nascita di una nuova azienda ed essere tra i primi ad assaggiarne i vini. È quello che è successo a noi di Vinocondiviso che, accompagnati dall’amico Andrea Gaviglio della storica enoteca Vino Vino, abbiamo avuto il privilegio di assaggiare tre neonati vini bianchi trentini.

i fratelli Pilati di Klinger winery

Si tratta dei vini di KIinger winery, azienda nata su iniziativa dei fratelli Enzo, Umberto e Lorena Pilati che, forti di significative esperienze vitivinicole alle spalle, hanno deciso di vinificare in proprio alcune uve di proprietà (quelle provenienti dai vigneti più vecchi) continuando, almeno per il momento, a conferire il restante a cantine esterne .

Tutti e tre vini assaggiati erano stati appena imbottigliati (marzo 2019) e per tutti e tre l’azienda ha deciso un affinamento in bottiglia di sei mesi, usciranno dunque sul mercato il prossimo settembre.

i vini in assaggio

Il primo bianco, ” Pizpor” è uno chardonnay con una percentuale attorno al 15% di pinot bianco, da vigne di circa 35 anni, fresco e ben bilanciato.

Vecchie vigne anche per il Gewürztraminer, poste in una zona particolarmente vocata, in grado di far maturare bene le uve salvaguardando nel contempo una bella acidità, che ritroviamo nel bicchiere, insieme alle note olfattive caratteristiche di questo vitigno aromatico.

Last but not least, il vino che più ci ha colpito, la Nosiola, varietà autoctona trentina, diffusa principalmente in due zone: nella Valle dei Laghi, famosa per il Vino Santo, e proprio a Pressano, dove i fratelli Pilati coltivano un vero gioiello di vigneto. Due mesi dopo aver assaggiato i loro vini, abbiamo avuto la possibilità di “camminare le vigna” di Nosiola, durante una splendida giornata di sole, probabilmente una delle uniche due giornate limpide e calde di questo pazzo maggio! Esposta a ovest, su terreni ricchi di argilla e limo, con bassa percentuale di sassi e buona capacità di ritenzione idrica, si affaccia sul fondo valle guardando la Piana Rotaliana, famosa per un altro vitigno autoctono trentino, il teroldego.

Troviamo vigne piantate addirittura ad inizio degli anni Venti, imponenti, resistenti, produttive, temprate da un microclima fresco con belle escursioni termiche.

  • Nosiola
  • Nosiola

Vedono qui, il loro futuro, i fratelli Pilati.

Alessandra Gianelli
Facebook: @alessandra.gianelli
Instagram: @alessandra.gianelli

Deperu Holler: vini pervasi di cultura sarda

Perfugas, 25 maggio 2019

Ci siamo lasciati alle spalle il glamour della Costa Smeralda ed una giornata grigia per scivolare nell’entroterra sardo, nel cuore della Gallura. Quasi due ore di strada, curve morbide e solitarie che si snodano tra rocce color corallo ricoperte da una fittissima vegetazione di arbusti.

L’appuntamento con i proprietari della cantina Deperu Holler è nel villaggio di Perfugas, dove abitano. Speravamo di trovare qualcosa da mangiare lungo la strada ma incrociamo solo un paio di agriturismi che paiono abbandonati.

Perfugas è una cittadina di 2.500 anime fatta di casette basse ed intonaci scrostati; la attraversiamo diverse volte nell’intento di trovare qualcosa di simile ad una trattoria ma scorgiamo solo un paio di bar, entriamo in uno di questi.  L’aspetto dei panini non ci convince, optiamo per un banale gelato industriale. La piazza di Perfugas è deserta, il sole un po’ velato, ci accomodiamo su una panchina di fronte al comune. Un vecchio seduto al bar prospicente ci scruta incuriosito, la sensazione è quella di essere “stranieri”. Ci attraversa una lieve sensazione di sconforto di fronte a quella desolazione; forse ci stavamo perdendo la vivacità della costa per una visita in cantina che non partiva con i migliori presupposti? Ma ormai ci siamo, è ora di andare, ci spostiamo di fronte alla casa dei vignaioli.

Il tempo nei giorni precedenti non era stato clemente e si temeva non fosse possibile salire in vigna. Siamo fortunati, sembra che la pioggia arriverà solo in tarda serata.

Appena si apre l’uscio di casa si schiude un mondo che ci fa dimenticare la deserta piazzetta ed un gelato dal sapore chimico. Ci accoglie Tatiana, la dolcissima moglie di Carlo Deperu, insieme conducono l’azienda vitivinicola nata nel 2007. Non faccio in tempo a varcare la soglia del loro appartamento che Tatiana, indicando un grosso sacco di carta, mi offre il contenuto. Delle bellissime mandorle glassate, preparate da un’anziana del paese per la comunione del loro bambino, le assaggio con voracità, dato lo scarso pranzo. Siamo pronti per andare in vigna, Tatiana consegna a Carlo due grosse borse frigo e lui ci fa segno di seguirlo con l’auto. Nessuno li aveva avvisati, ma sapevano che non avremmo trovato da mangiare e così dentro quello due sacche hanno preparato la nostra merenda.

Ci sono luoghi e persone che sembrano esistere solo nella fantasia, ce li siamo immaginati leggendo qualche romanzo, sensazioni ed immagini come ingredienti della fantasia di uno scrittore che si materializzano ora davanti agli occhi. Se me lo chiedeste ora, non ci saprei tornare in quel luogo e forse senza Carlo questo luogo non esiste, come si venisse catapultati in una dimensione spazio-temporale differente.

Fatichiamo a stare dietro alla sua utilitaria che agilmente si inerpica su una salita sconnessa di terra bianca, parcheggiamo l’auto ed il tempo si ferma. Le vigne Deperu Holler dominano un piccolo canyon scavato dal fiume Coghinas e dal lago Casteldoria. Il panorama è dominato dall’omonima torre del XII secolo, l’unico segno di civiltà, poi a perdita d’occhio solo i monti, le rocce, il verde, il lago e là, dietro il monte Ruju, il mare a pochi chilometri in linea d’aria.

Alcuni paletti che delimitano le vigne sorreggono dei teschi di bovino. Nella tradizione sarda gli animali con le corna proteggano dal male. Il male qui è rappresentato dalle malattie della vite, dai branchi di animali selvatici che si nutrono dei frutti e dai venti impietosi. Un paio di giorni prima della nostra visita, le vigne erano state sferzate dalla rabbia del vento di Maestrale, carico di sale marino, che ha bruciato le viti. Le foglie si sono arricciate assumendo un colore bruno; il cannonau si è salvato ma per buon parte del vermentino non è andata così, la produzione per la vendemmia 2019 sarà sicuramente molto ridotta. Carlo lo dice con rassegnazione; è la natura.

Ci portiamo sotto una grossa quercia, con la sua chioma sovrasta un lungo tavolaccio di legno tenuto in piedi da cavalletti, qualche seduta di fortuna intorno. Sembra un banchetto abbandonato da anni, così non è. Carlo estrae dalle sacche tutto, e dico tutto, quello che occorre per trasformare un luogo abbandonato in un sontuoso pic-nic. Da quelle borse escono una pittoresca tovaglia, stoviglie di coccio e metallo, calici da vino e poi cibo. Anzi è riduttivo: Tatiana e Carlo riescono ad estrarre da quelle sporte un pezzo di tradizione e cultura sarda; così compaiono sulla tovaglia di cotone colorato preziose leccornie che raccontano un popolo. La Conzedda, con la forma di una provola, è un formaggio fatto con latte bovino di alpeggio che non viene scremato; il formaggio è grasso pastoso ma non stucchevole, si fa sciogliere appeso sopra le braci e fatto colare direttamente sul pane. Il muffato di pecora, il vignaiolo agita orgoglioso il piccolo contenitore e dice “questo dovete proprio assaggiarlo”; un pecorino erborinato, al naso la complessità dei sentori di stalla e di sottobosco, l’assaggio è potente di grande sapidità e pizzicore. Non può mancare il pane dei pastori, il Pistoccu, più spesso e croccante del più famoso Carasau. Poi arrivano tanti vasetti di vetro, sono le conserve di famiglia, fatte con l’olio delle loro terre: fave, cardi ed asparagi selvatici.

Degustiamo i vini immersi in questa straordinaria atmosfera, Carlo ci ha fatto sedere alla sua tavola come fossimo vecchi amici. Degustiamo, anzi mangiamo e beviamo al ritmo dei venti che si alternano sulla collina. Il produttore li conosce, li anticipa, sà da dove arrivano e quando si calmeranno.  Oltre 4 ore di chiacchiere, di vino sì, ma soprattutto di tradizione gastronomica e cultura sarda. Parliamo di carni, delle loro cotture, dei pesci del mare e delle anguille che arrivano dal lago. Sogniamo ad occhi aperti quando Carlo ci racconta delle cene che si organizzano su quel tavolo, quando si fa ardere il braciere posizionato alle nostre spalle: porceddu, capretto, casse di pesce ed ogni sorta di verdura recuperata dall’orto coltivato a pochi metri. A questo punto ci accorgiamo delle luci appese ai rami dell’albero, quello che ci sembrava un vecchio tavolo abbandonato è un lussuoso banchetto attorno al quale ruotano parenti, amici e visitatori, amanti di vino da tutto il mondo.

Pasteggiamo con i due vini bianchi della cantina. Fria, il vermentino 100%. Avevo già assaggiato il 2017, di grande freschezza e ricco di frutto. Il 2018 che ci propone è diverso, l’annata ha fatto crescere poco l’acidità, quindi la scelta di macerare le uve. Sprigiona un profondo sentore di caramello, pera e caucciù. Il corpo è rotondo, vivacizzato da una bella sapidità e da una chiusa amaricante. La seconda etichetta la soprannominiamo affettuosamente il “trittico”, Prama Dorada: vermentino, moscato, malvasia. Predominano i sentori ossidati, una straordinaria espressività che regge bene il confronto con l’erborinato da cui continuiamo ad attingere e che Carlo continua ad offrire generosamente.

Il tempo che passiamo sotto la quercia pare infinito e prezioso, dimentico l’esistenza di orologio e cellulare. Tra chiacchere e cibo le bottiglie al tavolo finiscono. Decidiamo quindi di alzarci, in cantina ci aspettano gli assaggi di vasca ed i rossi.

Riassaggiamo il vermentino dalla vasca, andando oltre la tensione metallica si percepisce un vino già ben equilibrato. I rossi spillati dall’acciaio sono di eleganza inaspettata, inebriano di tabacco e cacao pur non essendo ancora passati in legno, solo alcune soste in cemento.

Abbiamo portato con noi Pistoccu ed erborinato da abbinare ai rossi, Carlo ci fa avvicinare ad una piccola vasca e ci offre quello che sembra il nettare dell’azienda: cannonau passito. Le lunghissime fermentazioni l’hanno privato quasi completamente del residuo zuccherino. Un succo di frutti scuri e spezie che dirompe al palato con tannino, sapidità e un finale fortemente amaricante. Riuscirò mai ad avere una bottiglia di quella piccola vasca?

Concludiamo la carrellata dei vini con l’etichetta Familia, cannonau e muristellu (bovale sardo). Porta questo nome perché è il vino della quotidianità, da portare al tavolo con i parenti.

Quando si spende assieme del tempo così prezioso è triste salutarsi, ma sta per arrivare la pioggia e dobbiamo rientrare verso la costa. Carlo ci fa un ultimo regalo, estrae dalla tasca un coltellino con il quale ripulisce i gambi di alcune erbe selvatiche o le cicerchie della malva per farcele assaggiare. È un grande esperto di erbe e dei loro benefici, sono le erbe che lui lascia crescere in vigna come alternativa alla chimica perché proteggono e nutrono il terreno.

Ci abbracciamo e torniamo alla macchina, ci sembra di aver vissuto qualcosa di incredibile, rimaniamo in silenzio gran parte del tragitto per fissare nella memoria questi straordinari momenti.

Chiara EM Barlassina
Facebook: @chiara.e.barlassina
Instagram: @cembarlassina