La riscossa del Montepulciano d’Abruzzo

Montepulciano in degustazione

Il Montepulciano è un vitigno di antica fama che confluisce in moltissime denominazioni dell’Italia centro meridionale. Il suo carattere rustico, animalesco, spesso ricco al limite del barocco non lo rende certo un vino attraente per i giovani winelovers, alla ricerca di vini dal profilo più longilineo e con verve acida particolarmente pronunciata.

Nonostante ciò il Montepulciano – soprattutto in Abruzzo, la sua terra d’elezione – ha molti estimatori, in particolare all’estero dove le bottiglie di Valentini, Pepe e Masciarelli hanno quotazioni di tutto rispetto.

E’ quindi con curiosità che ho deciso di partecipare ad una degustazione dedicata al Montepulciano d’Abruzzo organizzata da WineTip.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ecco i vini in assaggio alla cieca:

Montepulciano d’Abruzzo “Vinosophia” 2016 – Chiusa Grande

Azienda agricola biologica sita in provincia di Pescara che può contare su un parco vigne di 50 ettari. Al naso il vino si presenta con un bel frutto rosso, seguito da note floreali di viola, creta ed un cenno balsamico. La bocca è sorprendentemente agile per la tipologia ma non certo magra. Alcol ben gestito, tannino soffice e retrolfatto di frutta fresca. Di media lunghezza. All’insegna della facilità di beva senza banalizzazioni.

Montepulciano d’Abruzzo 2014 – Emidio Pepe

Olfatto di grande personalità, senza paura di “graffiare”: animale, frutto nero, spezie (chiodo di garofano), cacao, fiori rossi e carnosi. Il sorso è di ottima freschezza e medio peso, il vino ha una sua dinamica e ottima piacevolezza di beva, grande sapore e sapida profondità. Chiusura piuttosto lunga con un’alcol che veicola ritorni fruttati. Sanguigno e di personalità.

Montepulciano d’Abruzzo Riserva 2012 – Di Sipio

Il vino si presenta meno immediato con le note varietali conciate dal connubio con il legno: confettura di amarena, vernice, cocco, caramella. Le sensazioni dolci percepite al naso si ritrovano coerenti anche in ingresso di bocca che purtroppo, a mio gusto, non ha una dinamica così interessante, arrivando rapidamente ad un finale di cioccolatino all’amarena. Vino che personalmente non mi ha del tutto convinto ma che ha riscosso un certo successo tra gli altri degustatori. Senza vie di mezzo.

Montepulciano d’Abruzzo 2012 – Valentini 

Un vino che si staglia immediatamente rispetto ai suoi compagni: personalità ed eleganza, carattere ed armonia, sole e terra. Olfatto di mineralità scura, prugna, erbe aromatiche (timo), un tocco animale, cerino spento, tabacco, cacao, salamoia, spezie…
La bocca in ingresso presenta una leggerissima carbonica che sparisce dopo pochi minuti disvelando una progressione soave di grande equilibrio con un tannino fitto ma in filigrana alla materia del vino. Sapidissima e lunga la chiusura. Vino da invecchiamento ma ben godibile anche ora. Ammaliante.

Montepulciano d’Abruzzo San Martino Marina Cvetić 1999 – Masciarelli

Vino integro e ben saldo. Al naso parte balsamico, poi note di finocchietto selvatico, vaniglia, tabacco biondo, olive nere…bocca fresca con tannino ancora croccante. Non così stratificato al sorso anche se espressivo e decisamente lungo. Indomito.

In conclusione che dire? Il Montepulciano d’Abruzzo è un vino di muscoli certo, ma anche di personalità. Compagno ideale in tavola, adatto soprattutto alla cucina dei freddi mesi invernali.

Insomma, stappalo subito, prima della fine dell’inverno!

E raccontami nei commenti quale Montepulciano d’Abruzzo avevi in cantina ed hai aperto per l’occasione.

I profumi del vino: il pepe

Come anticipato qualche post fa, inizio a raccontarti dei profumi del vino man mano che li ritrovo nelle bottiglie che assaggio. Parto con gli aromi riconducibili al mondo delle spezie, in particolare oggi ti parlo del pepe.

Il profumi del vino: il pepe
Il profumi del vino: il pepe

L’odore del pepe è decisamente pungente e dunque, benché spesso si accompagni e confonda con altre spezie, al degustatore attento non dovrebbe sfuggire. Personalmente lo apprezzo parecchio perché dona al vino carattere e potenza accompagnati da finezza ed eleganza.

La molecola che produce tale aroma si chiama rotundone ed è stata scoperta abbastanza di recente (2008) dall’Australian Wine Research Institute (AWRI). Tale molecola è poco volatile ed è il motivo per cui è stata individuata tardi; inoltre, ciò spiega come mai l’aroma di pepe si senta solo dopo altri odori che arrivano prima (fruttati o floreali) e perché si percepisca meglio al retrolfatto invece che all’olfazione. Peraltro gli stessi ricercatori hanno anche dimostrato come questo descrittore sia tra i più variabili a livello individuale. Ci sono alcune persone che distinguono facilmente l’aroma di pepe in un vino in cui è presente meno di mezzo miliardesimo di grammo di rotundone per litro, mentre altri soggetti non lo sentono neppure quando presente in proporzioni di molto superiori.

Come per quasi tutti gli aromi del vino è difficile ricondurre la presenza di un certo profumo, in questo caso del pepe, ad una sola causa. Dipende dal vitigno? Dal luogo? Dalle pratiche di cantina? Dal momento della raccolta? Dal clima?

Non c’è mai una risposta univoca a queste domande. Per fortuna il mondo del vino non è così binario… Quel che ad oggi si sa sul sentore di pepe è che può derivare dal vitigno, dal territorio oppure dall’affinamento in legno nuovo.

In che vini puoi trovare il pepe?

Nella mia esperienza il pepe si trova con una certa frequenza nei vini a base gamay, mourvèdre, mondeuse, tannat, syrah, schioppettino (pepe verde). Non infrequente a Bordeaux, Pommard o Boca (pepe bianco).

Evoluzione schioppettino: da vitigno in estinzione a grande rosso friulano

La storia dello schioppettino è antica. Per la prima volta se ne trova traccia in documenti risalenti al 1282 (Archivio del Castello di Albana). In tempi più recenti ha rischiato persino l’estinzione. Non solo a causa dell’oidio e della fillossera, ma anche per un misto di incompetenza ed esterofilia burocratica (che dava la precedenza ai vitigni bordolesi), per un certo periodo lo schioppettino fu persino “fuori legge”.

Fu la famiglia Rapuzzi di Ronchi di Cialla che, nel 1970, salvò lo schioppettino da estinzione certa portandolo lentamente alla ribalta.

La zona più vocata dello schioppettino è, senza tema di smentita, l’area intorno a Prepotto (UD) nei Colli Orientali del Friuli. Oggi ti parlo di un vino che proviene proprio dalla sottozona di Prepotto e che mi ha sorpreso favorevolmente.

Colli Orientali del Friuli Schioppettino di Prepotto 2012 - Vigna Lenuzza
Colli Orientali del Friuli Schioppettino di Prepotto 2012 – Vigna Lenuzza

Colli Orientali del Friuli Schioppettino di Prepotto 2012 – Vigna Lenuzza

Il vino si presenta di un bel rosso rubino compatto, naso molto intrigante: pepe verde, sottobosco, amarena, mercato orientale, corteccia…La bocca entra ampia ma la dinamica è snella e saporita, l’acidità in filigrana accompagna il sorso che chiude succoso, di media lunghezza con, se vogliamo esser severi, qualche nota tannica astringente e leggermente amaricante. Si indovina insomma l’uso, comunque dosato, del legno piccolo.

86