I Wine Box avranno successo anche in Italia?

Dopo un discreto successo in altri Paesi a partire dalla Francia, da qualche tempo anche in Italia c’è una nuova modalità per comprare vino e costruirsi la propria cantina. Sto parlando dei Wine Box.

I Wine Box sono degli abbonamenti, generalmente mensili, che permettono agli enofili di ricevere del vino in base alle scelte ed alle preferenze dei loro promotori.

Ma come funziona esattamente?

Per spiegartelo faccio ricorso ad un caso concreto che ho avuto modo di approfondire. Si tratta della recentissima iniziativa di Sommelier Wine Box che, dopo l’ormai consueta campagna di crowdfunding, è partita a spedire le prime bottiglie. L’appassionato può abbonarsi a consegne mensili di 3 bottiglie. L’abbonamento ha una durata variabile a partire da un solo mese fino a 6 mesi. Le opzioni di scelta, di differente prezzo, sono due: entusiasta (35 € al mese) o esperto (60 €). La scelte delle bottiglie è fatta da un esperto sommelier che cambia ogni mese. Ad esempio nella prossima tappa in consegna il “sommelier selezionatore” è Andrea Gori.

Può avere successo una modalità di acquisto (e regalo) del vino di questo tipo? A chi si rivolge e che bacino di utenza può attrarre?
Difficile dare risposte univoche, anche perché molto dipende dalla filosofia di ciascuna iniziativa. All’estero ci sono iniziative piuttosto variegate: c’è chi è molto aggressivo in termini di prezzo, chi invece promette una selezione di nicchia particolare, ed ancora chi punta tutto sull’autorevolezza degli esperti che scelgono le bottiglie.

La sfida più importante per queste piattaforme è di sicuro quella di instaurare una grande fiducia con il consumatore, più o meno esperto che sia. Perché dovremmo delegare la scelta del vino a terzi? E’ così divertente andare in enoteca…

Ebbene, per mettere alla prova Wine Box Sommelier, ho dato un occhio al primo Wine Box “costruito” da tre sommelier AIS del Veneto. L’acquirente (in questo caso ho scelto l’opzione “esperto”) riceve a casa, in un’impeccabile confezione, 3 vini nati intorno al Lago di Garda.

Wine Box Sommelier
Wine Box Sommelier

Ecco i vini che ho ricevuto e di cui ti relazionerò prossimamente:

Bardolino 2015 – Le Fraghe

Lugana Ancilla 2015 – La Ghidina

Freudo Rosso Veneto IGT – Azienda Agricola San Zeno

Vini che forse non avrei comprato e di zone che frequento e degusto raramente… la prima impressione è che una modalità di acquisto di questo genere è adatta a chi ha il gusto per la scoperta ed è disposto a correre qualche rischio. Insomma a chi non ha paura di uscire dalla sua comfort zone.

Mi incuriosisce molto anche la prossima consegna, quella pensata da Andrea Gori, che ha invece come tema “Acidità, vitigno ed altitudine”.

Tu che ne pensi? Sei disposto a delegare ad uno sconosciuto la scelta del vino?

6 risposte a "I Wine Box avranno successo anche in Italia?"

  1. Secondo me è una idea interessante, volta a chi non ha paura di “scoprire” nuovi vini di aziende casomai meno blasonate. L’importante è che dietro ci sia la volontà di far emergere TUTTO di ogni territorio (dalla piccola alla grande azienda) senza cadere nelle classiche proposte di marketing volte a fare pubblicità alle aziende che offrono opportunità di guadagno maggiore al gestore dell’iniziativa. Ritengo comunque che sia una buona iniziativa

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...